IBMDR nic ADMO
      HOME CONTATTI  

ORIGINI E FINALITÀ

Nel 1989 nasceva il Registro Italiano Donatori Midollo Osseo, oggi più noto con l’acronimo ottenuto dalla lingua inglese e cioè IBMDR (Italian Bone Marrow Donor Registry), ad indicare la completa internazionalità di questa donazione.
Nel 1990 per poter supportare l’attività di reclutamento di nuovi donatori, nasceva ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) che autonomamente decise di fare dell’IBMDR il suo punto di riferimento.

Sia l’attività dell’IBMDR, sia quella di ADMO
si basavano su un fortissimo supporto di volontariato e di sacrificio da parte di medici, biologi, tecnici informatici ai quali si aggiunsero le forze sia in termini di persone che in termini economici dei volontari dell’associazione. L’organizzazione dell’IBMDR sul territorio andò delineandosi in Registri regionali ai quali facevano capo i Centri Donatori creando quindi una struttura ad albero, in cui il coordinamento dei Registri regionali era demandato all’IBMDR, che aveva anche il compito di mantenere i collegamenti internazionali.

Tutto questo però, fino al 2001, era un’attività non riconosciuta dallo Stato Italiano, per cui, per poter garantire il funzionamento del sistema intervenne ADMO, dapprima pagando una copertura assicurativa per tutti i donatori iscritti all’IBMDR, che fossero o no iscritti ad ADMO, e poi costituendo nel 1993, assieme a uno dei suoi più grandi sponsor, l’Associazione Nazionale Italiana Cantanti (NIC), la Fondazione IBMDR con lo scopo precipuo di sostenere economicamente l’attività dell’IBMDR.

morandi Eccezionale padrino dell’apertura della Fondazione fu Gianni Morandi, allora Presidente della NIC.


Fu così che i dipendenti dell’IBMDR, precari ante-litteram, perché pagati con l’utilizzo di modeste “borse di studio” fornite da privati od anche dalla stessa ADMO, poterono avere un riconoscimento ufficiale con l’assunzione con contratto a tempo indeterminato stipulato con la Fondazione.La stessa Fondazione rimetteva completamente a nuovo ed arredava dei locali messi a disposizione dall’Ente Ospedaliero “Ospedale Galliera” che era nel frattempo entrato come partner nella Fondazione. Anche il sistema informatico veniva completamente aggiornato per garantire le migliori possibilità di lavoro e di successo nel reperimento dei donatori.

Dopo il 2001
, con l’approvazione della legge che riconosceva l’attività dell’IBMDR, lo Stato si prendeva carico del mantenimento di questa struttura a livello nazionale. La Fondazione IBMDR veniva a questo punto a perdere la motivazione principale della sua nascita, ma ci si accorse ben presto che il supporto che la Fondazione poteva dare all’IBMDR andava oltre a quelli che furono i suoi primi obiettivi.

Lo scorso anno la Fondazione IBMDR si è trasformata in “Fondazione per IBMDR” ONLUS accollandosi il compito di aiutare al meglio la gestione di tutta l’organizzazione che fa capo all’IBMDR.


Quindi i compiti futuri della Fondazione per IBMDR – ONLUS saranno quelli di supportare l’attività dell’IBMDR inteso come completa estensione sul territorio nazionale, visto il riconoscimento che la legge gli ha affidato. Il lavoro della Fondazione si svolgerà attraverso progetti predefiniti, così come prevede la legge sulle ONLUS. Tali progetti saranno via via illustrati nelle altre parti di questo sito.


Fondazione per IBMDR onlus: Via Volta 19/2 16128 Genova | Tel: +39 010 5634441 | Fax: +39 010 57481999 | info@fondazioneperibmdr.it
www.fondazioneperibmdr.it | Cod.fisc. 95034800102